L’Erbolario: Shampoo al Tè Bianco, goduria per l’olfatto.

Buongiorno popolo del web! Ritorniamo alle buone, vecchie e sane abitudini e aggiorniamo un po’ questo blog che in questi giorni è stato carente di notizie – non perché non abbia avuto tempo di scrivere, ma perché ho testato alcuni prodotti nuovi. Parliamo ancora una volta di un prodotto L’Erbolario e quest’oggi tratteremo lo Shampoo al Tè Bianco.

 tebianco

Inizio subito col dire che questo shampoo ha un profumo celestiale, molto estivo e con un mix di note agrumate e un sottotono floreale, a parte ovviamente il leggero profumo del tè: personalmente il mio naso ha sniffato qualche nota di lime, che sinceramente non so se sia presente fra gli ingredienti, ma il profumino mi è sembrato proprio lui. E il lime, soprattutto in estate, ci piace u_u.

Quanto alla consistenza, L’Erbolario al The Bianco, è uno shampoo classico in forma liquida, denso quanto basta a non colare ovunque. La schiuma che produce l’ho trovata poco corposa e un po’ “duretta” – non è la classica schiuma da shampoo cui spesso siamo abituate, corposa e soffice al tatto; probabilmente la poca schiumosità è data dai tensioattivi presenti (in ordine nell’INCI troviamo: Cocamidopropyl Betaine, Sodium Lauryl Sarcosinate, Sodium Lauryl Sulfoacetate e Coco Glucoside), anche se onestamente per quanto concerne la composizione lascerei parlare chi di chimica e di INCI ne sa più di me, non azzardando sproloqui in merito.

Il prodotto si risciacqua facilmente e lascia la chioma abbastanza morbida, anche se io avendo i capelli ricci devo necessariamente usare il balsamo dopo (il mio adorato Jungle di Lush – mon amourrrr!!!! *_*).

Una volta asciutti, i capelli restano morbidi e brillanti (abbandonate i siliconi per il bene dei vostri capelli, dopo qualche mese di sacrificio e punte tagliate, saranno decisamente più sani e lucenti per loro stessa natura).

A parte l’avere usato questo shampoo che lascia i capelli leggeri, in combutta con Jungle di Lush, per lo styling ho utilizzato niente popò di meno che gel di semi di lino arricchito con oli essenziali di agrumi e fitocheratine, più qualche goccia di ….. (rullo di tamburi e che squillino le trombe!) … banalissimo ed estremamente low cost, olio di semi di girasole, che ho provveduto a profumare con qualche goccia di olio essenziale. Vi dico solo che l’olio di semi di girasole è ricco di vitamina E ed è un lisciante coi fiocchi se usato con parsimonia (altrimenti vi imbrattate la testa e sembrate una patata fritta appena uscita dalla padella); inoltre elimina quella sensazione di capelli duri e secchi che a volte il gel di semi di lino può provocare.

Il risultato è stata una bella testa boccolosa durata perfettamente per 4 giorni.

Quando voglio capelli estremamente soffici e lisci invece, uso solo qualche goccia di olio di girasole profumato a piacere e provvedo ad asciugare con la paddle brush (la spazzola piatta rettangolare coi chiodini), passando poi un colpo veloce di piastra. Sinceramente all’inizio ero scettica ad abbandonare il fluido lisciante di Testanera Gliss Asia Straight, che finora è stato l’unico a farmi tenere la piega quando la faccio da me, e sono rimasta veramente stupita di come abbia agito l’olio di girasole dato che lisciare i miei capelli è un’impresa che – escluso il mio parrucchiere – solo e soltanto Dio e gli dei dell’Olimpo possono riuscire a concludere, senza nuvolette di crespo che sbucano dopo un paio d’ore). Me soddisfatta da madre natura u.u

Ginger

One thought on “L’Erbolario: Shampoo al Tè Bianco, goduria per l’olfatto.

  1. Pingback: white whall

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.